Posts made in agosto, 2012

Talk Show

Il vomito sale. E non so se è stato tutto questo bere disordinato, il mangiare male e di fretta, la stanchezza o magari un po’ tutto quanto. In tv danno un film che ho visto al cinema, tanti anni fa. E’ incredibile che sia andato a vedere quella porcheria. E tanto più incredibile, a pensarci, era la voglia di andarci, quella sera. Non per il film, certo. Ma perché volevo essere lì. Ricordo le sensazioni. I commenti. Le cazzate...

Read More

N.

Mi manca quell’uomo. Serio, educato, preciso. La sua puntualità che faceva a botte con una distrazione quasi fumettistica. Mi manca il suo sorriso semplice. Le osservazioni che solo una persona onesta sa dispensare. Mi mancano quelle battute un po’ più spinte in cui molto raramente si lasciava andare e che lo divertivano come se le avesse sentite piuttosto che pronunciate. Mi manca quel suo saluto familiare che lo annunciava e...

Read More

Tanta merda (si va in scena)

Ci sono persone che, chiamate a dare un consiglio, tirano fuori il peggio di sé. Disinteressandosi completamente di chi hanno di fronte, scelgono il peggiore tra tutti gli scenari possibili. Confondono la luce di chi apre il proprio cuore con uno spot da teatro puntato su di loro. E d’un tratto si sentono proiettate su un palcoscenico. Di nero vestite. E’ il LORO momento e, mani sul cuore, dicono afflitte le parole più difficili....

Read More

Può bastare

Il rumore di un treno che corre veloce. Poi quello di una macchina solitaria con le casse che pompano suoni sintetici deformati dall’effetto Doppler. Non c’è traffico stanotte. Negli anni passati imboccavo il sentiero del sonno attraverso i suoi echi che si protraevano fino al mattino. Una trama sonora tessuta sull’asfalto dalle gomme e dai motori pochi metri fuori dalla mia finestra. Quasi una nenia zen, un gioco in cui poter...

Read More

Luca

Ho rincontrato Luca dopo qualche anno. Era febbraio, credo. O forse gennaio. In quel periodo davo poca importanza alle persone. Avevo toccato con mano quanta pochezza potesse esserci in alcune di esse e non avevo neanche molto interesse a salutare delle vecchie conoscenze. Pensavo solo a mandar giù l’ennesima pinta di rossa che avevo davanti. Lui stava passando vicino al bancone. Io ero seduto. Se lo avesse voluto, avrebbe potuto tirar...

Read More

Orsacchiotti

La tipa seduta a fianco a me sta mollando qualcuno al telefono. Ha toni aspri ed usa parole terribili. E’ determinata. Ma io ho sognato mio nipote sul suo primo triciclo ed ho troppi orsacchiotti in testa e la maglietta dei pavement con le tazzine e le ferie che stanno per iniziare e gli amici con cui partire e tanta musica da bere e… E vaffancul0 cerco e mi ficco in testa il Silence Kit di Malkmus e soci (e bona lé) [embedplusvideo...

Read More